Contattaci subito: 055 5387207
la chirurgia plastica estetica

Lipofilling Firenze – chirurgo plasticplasticoo dott Fabio Quercioli

Lipofilling seno

Richiedi informazioni

Lipofilling al Seno, tutte le informazioni

 

Nella chirurgia estetica della mammella l’infiltrazione di grasso autologo, ovvero il Lipofilling al Seno, trova ampie applicazioni: piccole mastoplastiche additive, correzione di asimmetrie mammarie, correzione da difetti di ricostruzione con protesi, aumento di spessore dei tessuti molli sopra la protesi, contratture capsulari e deformità del seno tuberoso.

Questa tecnica è indicata per molteplici aspetti, in quanto è priva di esiti cicatriziali, con un risultato naturale; è, inoltre, consigliata per quelle pazienti che rifiutano o sono intolleranti alla presenza di un corpo estraneo all’interno del proprio organismo.

Per molti anni l’uso del lipofilling per interventi di mastoplastica additiva è stato ampiamente criticato, in quanto il grasso innestato poteva provocare cicatrici e calcificazioni derivanti dalla liponecrosi, che avrebbero potuto simulare o nascondere una lesione cancerosa alla mammografia. Brown e colleghi hanno presentato uno studio retrospettivo, dimostrando che tutte le procedure chirurgiche sulla mammella provocano noduli e alterazioni mammografiche, ma hanno dimostrato anche che le differenze tra modifiche benigne post-operatorie e il carcinoma della mammella sono evidenti.
Unanime è la certezza che lo screening radiologico e la diagnosi differenziale con noduli neoplastici della mammella non subiscono interferenze in seguito all’ intervento di lipofilling, che è considerato dalla comunità scientifica un intervento sicuro anche nella chirurgia della mammella.

Il lipofilling trova ampio impiego, inoltre, come tecnica adiuvante la mastoplastica additiva con protesi; infatti possono a volte residuare piccole zone di contorno irregolare e fastidiose pieghe; innestando grasso autologo è possibile correggere tali difetti.
Inoltre, il grasso autologo può essere utilizzato per correggere la contrattura capsulare di grado 3° – 4°.

Il lipofilling del seno si esegue in sala operatoria, in anestesia generale, in regime di day-hospital, ed è associato generalmente ad una liposcultura della zona di prelievo, principalmente rappresentata da addome, fianchi e regione trocanterica.